1° RADUNO CANE DI MANNARA - 11 MAGGIO 2014

News
Data: 22/04/2014 11:38:08
L'ENCI ha autorizzato SAMANNARA, l'associazione cinofila che intende salvare e fare riconoscere come razza canina pura il Cane di Mannara anche noto come Mastino Siciliano, il proprio primo raduno ufficiale finalizzato alla ricognizione della popolazione esistente e propedeutico all'istituzione di un libro genealogico aperto ove ammettere come capostipiti i soggetti ritenuti più idonei per fissare rapidamente la razza.
Il raduno si terrà il prossimo 11 maggio, durante l'Esposizione Canina di Enna organizzata dal Gruppo Cinofilo Ennese presso il Palatenda di Contrada Scifitello.
Nel corso del Raduno la Commissione di Giudici nominata dall’ENCI (Riccardo Di Carlo, Anotonino La Barbera e Salvo Tripoli e con l'ausilio del Prof. Nicola Iannelli) procederà all'esame morfologico ed alla misurazione dei soggetti che verranno presentati per relazionare la Commissione Tecnica Centrale presso l'ENCI che valuterà infine se la quantità e la qualità dei soggetti disponibili è sufficiente a tentare il recupero e la fissazione della razza secondo criteri zootecnici moderni prescritti dalla Federazione Cinologica Internazionale.
I vertici dell'associazione Samannara, il Presidente Florindo Arengi ed il vice presidente Salvo Tripoli, non nascondono la loro soddisfazione per il risultato raggiunto e dovuto in larga parte alla collaborazione con il Prof. Luigi Liotta, docente presso la facoltà di veterinaria dell'Università di Messina, con cui sono stati effettuati i rilevi morfologici indispensabili alla redazione dello "standard provvisorio" della razza.
L'associazione SAMANNARA ci tiene inoltre a sottolineare come il Raduno del prossimo maggio non rappresenta assolutamente "il punto di arrivo" dell'iter di riconoscimento ufficiale della razza bensì rappresenta solamente "il punto di partenza".
Infatti tutto si risolverà in un nulla di fatto ove il numero dei soggetti sottoposti all'esame della Commissione di Giudici nominata dall'ENCI risulterà carente nel numero o nella qualità e comunque insufficiente per fissare la razza sino a raggiungere la popolazione che, in quantità e qualità, è indispensabile per i successivi passi presso l'ENCI e la FCI.

Torna indietro